Sindrome da colon irritabile sintomi evidenziati dai criteri diagnostici internazionali

Sindrome del colon irritabile
Pubblicità

Sindrome da colon irritabile sintomi: la loro cronicità

Il disturbo intestinale che viene comunemente identificato con il termine medico di sindrome da colon irritabile presenta sintomi a volte divergenti da soggetto a soggetto che possono evidenziare diverse manifestazioni: si può registrare una prevalenza di intestino stitico, oppure episodi diarroici, in altri casi i pazienti sono colpiti da IBS di tipo misto, ossia con alternanza fra stipsi e diarrea. A questo complesso sintomatologico si aggiungono altri fastidi da ricondurre in prevalenza al dolore addominale, che si caratterizza per la presenza di gonfiore o distensione ma anche di fitte. Ma a questa serie di disturbi che interessano principalmente l’alvo e l’addome, il paziente che soffre di sindrome dell’intestino irritabile può associare anche dei disturbi aggiuntivi quali: emicrania, ansia, depressione, fibromialgia (dolore muscolare accompagnato da rigidità, localizzato a livello cervicale oppure nella zona lombare), non sono rari casi di cistite, a volte il soggetto può sentirsi profondamente debilitato manifestando segni di fatica cronica a cui si possono anche ascrivere dei problemi attinenti alla sfera sessuale. I disturbi legati alla sindrome del colon irritabile hanno per lo più un andamento cronico: la ricorsività del problema gasto-intestinale si palesa negli anni alternando periodi di acquiescenza dei disturbi a fasi in cui si avverte una riacutizzazione dei sintomi, in particolare in concomitanza con periodi stressanti a livello fisico ma anche emotivo. Per ulteriori notizie si rimanda a Sindrome colon irritabile dieta: l’importanza della consulenza di un nutrizionista.

Il complesso sintomatologico delineato dai criteri di Roma

sindrome da colon irritabile sintomi

sindrome da colon irritabile sintomi

Per favorire una diagnosi più rapida e sicura si è cercato di categorizzare il complesso sintomatico rilevando quali sono i tipici fattori da usare come criteri per identificare la sindrome del colon irritabile. Un gruppo di specialisti è così arrivato a formulare dei criteri diagnostici internazionali entrati a far parte del linguaggio clinico sotto la definizione di criteri di Roma. In base al quadro sintomatologico evidenziato dai Criteri di Roma vengono presi in considerazione alcuni fattori ricorsivi nell’anamnesi del paziente quali il dolore o fastidio addominale, valutando se la manifestazione si ripete da circa sei mesi prima della diagnosi, in particolare si tiene conto se il disturbo si è riscontrato almeno 3 giorni al mese negli ultimi 3 mesi, in associazione a: miglioramento della condizione dopo la defecazione; alterazioni della frequenza delle evacuazioni; modificazioni della consistenza e dell’aspetto delle feci. Altre informazioni su Sindrome colon irritabile sintomi: come si caratterizza il complesso sintomatologico.