Sindrome colon irritabile sintomi: come si caratterizza il complesso sintomatologico

Sindrome del colon irritabile
Pubblicità

Sindrome colon irritabile sintomi come si evidenziano

Si parla di sindrome colon irritabile in quanto i sintomi che caratterizzano questo problema di natura intestinale danno forma ad un complesso sintomatologico alquanto frequente, che si evidenzia soprattutto attraverso la percezione di tensione e spasmi a livello addominale a cui si associa l’irregolarità dell’alvo. In particolare questa patologia gastroenterologa si manifesta con la percezione di un intenso dolore che si propaga nell’area della fossa iliaca sinistra e che tende ad irradiarsi al resto dell’addome, spesso però l’estensione del dolore colpisce anche le spalle e la regione lombare. L’acutizzazione del dolore si ha subito dopo aver desinato e si calma solo dopo aver defecato o dopo aver emesso gas. Il complesso sintomatologico che caratterizza il problema dell’intestino irritabile è contraddistinto anche da alternanza periodi di diarrea o di stipsi a periodi di regolarità nell’evacuazione: spesso il paziente può evidenziare una prevalenza di stitichezza che può durare per un lungo periodo e l’evacuazione viene favorita solo grazie all’uso di lassativi o clisteri; quando invece è la diarrea ad essere il sintomo più caratteristico il soggetto è coinvolto da un gran numero di scariche accompagnate da dolore addominale. Il quadro clinico del soggetto interessato da IBS evidenzia anche episodi di meteorismo e borborigmi, in alcuni casi anche la nausea accompagna la manifestazione sintomatologica di questa patologia. Maggiori informazioni si trovano su Sindrome del colon irritabile sintomi: problemi intestinali tipici.

Gli esami che permettono di identificare l’IBS

sindrome colon irritabile sintomi

sindrome colon irritabile sintomi

Non esistono degli esami specifici che permettono di identificare specificatamente e con una certa sicurezza la sindrome del colon irritabile, il medico quindi per giungere ad una diagnosi accurata si serve di solito di un’indagine clinica che si basa principalmente sull’anamnesi del paziente. Il medico dopo aver registrato il perdurare per lungo tempo dei sintomi nel quadro clinico del paziente potrà anche consigliare al soggetto di sottoporsi ad alcuni esami di laboratorio con cui poter suffragare con maggiore certezza la diagnosi della sindrome colon irritabile, tra le analisi che il medico potrà eseguire per individuare il disturbo vengono menzionati: la colonscopia o l’esame del clisma opaco a doppio contrasto. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Sindrome colon irritabile: definizione diagnostica.