Cordyceps sinensis e colon irritabile

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Il Cordyceps sinensis è tra i funghi più famosi e utilizzati nel mondo scientifico. Esso ha il potere di combattere tra le tante cose, le patologie epatiche, quelle renali nonché i disturbi cardaci, ma in particolare interviene sul colon irritabile. Tra i suoi tanti nomi, è detto anche fungo Caterpillar o DongChongXiaCao che tradotto significa “pianta d’estate, insetto d’inverno”.

Raro da trovare in natura e utilizzato da sempre nella medicina tradizionale cinese come rimedio naturale energizzante, antiastenico e antinvecchiamento, il Cordyceps sinensis viene attualmente coltivato con metodi che sono in grado di mantenere vergini le proprietà terapeutiche del fungo.

La radice del fungo cresce nelle zone del Tibet e nel corso dei millenni ha acquisito una notorietà pazzesca grazie alla sue straordinarie caratteristiche e proprietà.

Il Cordyceps Sinensis è costituito da moltissime sostanze in grado di agire in maniera sinergica sulla salutedel nostro corpo. All’interno del fungo sono infatti contenute le seguenti sostanze:

  • Tutti gli amminoacidi essenziali
  • vitamine E, K,, B1, B2 e B12
  • steroli
  • proteine
  • cordicepina
  • macro e microelementi
  • nucleosidi
  • polisaccaridi, ciclofurani, beta- glucani e beta- mannani

Il Cordyceps sinensis sul colon irritabile

Il colon irritabile è uno di quei piccoli fastidiosi problemi di salute che , il cordyceps sinensis è in grado di migliorare. Questo perché al suo interno c’è l’adenosina e la cordicepina, due elementi palesemente utili per attenuare lo stress. Quest’ultimo infatti risulta essere spesso il motivo di fastidi avvertiti all’ apparto digerente.

Secondo gli studi, è stato dimostrato come il cordyceps sinensis sia in grado, su base molecolare, di aumentare in maniera consistente i livelli di ATP. Questa è la molecola che rilascia energia dalla cellule e ha dunque il potere di favorire la produzione di energia cellulare. Il miglioramento della produzione di energia cellulare può diminuire la “stanchezza” e lo stress, garantendo la naturale regolarità dell’apparato digerente.

Il Cordyceps è utile dunque a contrastare colon irritabile, la stitichezza, la colite e la gastrite, perché grazie all’adenosina e alla cordicepina, vengono rafforzate le funzioni psicologiche e si attenuano i blocchi causati da ansia e stress che influiscono su patologie a livello di stomaco e intestino, per maggiori info consultare questa guida https://segretidelbenessere.it/cordyceps-sinensis/ .

Inoltre esso dona tono e forza alla parete muscolare dell’intestino, riuscendo a cotrastarei diverticoli. Intervenendo poi sulla parete dello stomaco, contrasta anche l’ernia iatale e il reflusso gastroesofageo.

Come tutti gli altri micoterapici, anche il fungo cordyceps fa effetto al meglio sotto forma di capsule di estratto o ottenendo una polverina dal fungo intero. Normalmente, per ciò che riguarda le dosi di Cordyceps sinensis, esse devono essere pari a 1-6 capsule al giorno. Ricordiamo che l’assunzione del cordyceps non comporta problemi di tossicità o effetti collaterali, purché il prodotto abbia una provenienza biologica.

Stesso discorso vale per le controindicazioni. E infatti così come per agli altri miceti terapeutici, il Cordyceps sinensis non è indicato per coloro che sono allergici ai funghi, per i trapiantati d’organo e, inoltre per scrupolo, come per la maggior parte dei rimedi naturali, meglio evitare durante gravidanza e allattamento.

Cordyceps sinensis e colon irritabile ultima modifica: 2017-12-12T07:17:13+00:00 da Isan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.